Cassano: “Gomez? Ringraziasse Gasperini, prima era solo un buon giocatore“

Cassano: “Gomez? Ringraziasse Gasperini, prima era solo un buon giocatore“

“Il tecnico in questo caso ha perfettamente ragione: se l’ATALANTA è quella che è non è per GOMEZ, ma per GASPERINI. Se ha fatto tanto bene andando anche in nazionale, lo deve solo ad una persona: Gasperini. A Catania era un buon giocatore, all’Atalanta ha imparato a fare la differenza e se il tecnico decide di cambiarti il ruolo per il bene del gruppo, lo devi accettare. Avrebbe dovuto chiedere scusa a Gasperini e rientrare nelle file. Adesso è tardi”. Con la sua consueta schiettezza, in diretta sul canale Twitch di CHRISTIAN VIERI e in compagnia di altri due ex Inter come DANIELE ADANI e NICOLA VENTOLA, ANTONIO CASSANO esprime la propria opinione in merito all’alterco nato tra il Papu e il tecnico della Dea: “È vero dire che in campo scendono i giocatori, ma è il tecnico ad aver creato questa squadra e ha il diritto di essere rispettato. Ciò che è accaduto a Gomez è un monito a tutti gli altri: rispettatemi, altrimenti via perché qui comando io”. [Cassano: “Gomez deve dire grazie a Gasperini. Ora..”] Guarda il video Cassano: “Gomez deve dire grazie a Gasperini. Ora..”

CASSANO SULLA JUVE

ANTONIO CASSANO sposta poi il focus della sua analisi sulla JUVENTUS: “Il risultato contro il GENOA non è bugiardo, hanno fatto tutta la partita attaccando. Se trovi una squadra che difendono in 10 uomini davanti alla porta prima o poi si stanca basta che riesci a imbucare una due volte e poi è finita la partita. Il Genoa ha segnato con STURARO con un mezzo cross ma non ha fatto niente, ha difeso per tutta la partita. Un pò di idee di Pirlo già ci sono ma quello che lui vorrebbe è un possesso palla ancor più forzato per far male, non sterile. La Juve è ancora al 60-70%. Gli manca quel qualcosa in più per dominare nelle partite vere esclusa quella con il BARCELLONA perchè quella secondo me non è una partita veritiera”.  [Cassano: “La Juve è ancora al 60-70%”] Guarda il video Cassano: “La Juve è ancora al 60-70%”

CASSANO: “MCKENNIE UN MATUIDI CON PIÙ QUALITÀ”

Il talento di Bari vecchia, successivamente, ha parlato di uno dei nuovi acquisti della Juve, MCKENNIE: “Per me è un KHEDIRA diverso, un MATUIDI con più qualità che si butta negli spazi. Chi può giocare accanto a lui? Pirlo a volte mette Bentancur, a volte Rabiot, altre RAMSEY, gira molto. Se Bentancur lo fai giocare nei due bassi ha meno inserimenti come li può avere McKennie. E’ uno che deve giocare o con Arthur o con Ramsey davanti perchè questi due sono simili. Per me il brasiliano è più una mezzala che uno che può giocare davanti alla difesa. Il Milan di Ancelotti ad esempio aveva Kakà mezza punta, mezzala sinistra Seedorf e davanti alla difesa Gattuso. Uno molto forte nella fase di interdizione quindi devo averlo. Bentancur mi piace tanto ma si inserisce meno di McKennie. Ramsey e Arthur con la palla al piede sono bravi ma fanno poco la fase difensiva e si inseriscono meno senza palla. Solo McKennie fa le due fasi a cento all’ora”. [Cassano ‘innamorato’ di McKennie: “Perfetto per Pirlo”] Guarda il video Cassano ‘innamorato’ di McKennie: “Perfetto per Pirlo”

CASSANO COMMENTA JUVE-PORTO

In seguito Cassano ha commentato i sorteggi di CHAMPIONS LEAGUE soffermandosi sulla sfida tra JUVE e PORTO: “Parliamoci chiaro a livello di percentuali non è un 60-40. Stiamo facendo solo un complimento a Conceiçao. Porto e Monchengladbach erano le due squadre meno forti. I tedeschi sono rognosi e il Porto è la squadra più abbordabile. Secondo me la Juve passa all’80-90%. Se va fuori è un fracasso come quello dell’Inter”.  [Juve-Porto, Cassano: “Se i bianconeri escono…”] Guarda il video Juve-Porto, Cassano: “Se i bianconeri escono…”

Fonte: https://www.corrieredellosport.it/news/calcio/2020/12/15-77361433/cassano_gomez_ringraziasse_gasperini_prima_era_solo_un_buon_giocatore_/

Vincenzo
Vincenzo Medico Chirurgo, Psicoterapeuta, Odontoiatra. Specialista ambulatoriale presso l’ASL Napoli 1 Centro. Coach professionista. Terapeuta EMDR.
Valutazione: