ROMA - Franco TANCREDI, ex portiere campione d’Italia 1982/83 con la ROMA, è intervenuto ai microfoni di New Sound Level 90 FM a “Il Diabolico e il Divino”, parlando in primis della campagna di mercato della Roma: “Se dovessi dare un voto darei tra l’otto e il nove, Mourinho ha fatto un lavoro certosino. Forse è mancata la ciliegina sulla torta: un MEDIANO”. Spazio poi ad un’altra importante operazione di mercato: “Il passaggio di DONNARUMMA AL PSG? Ha scelto il portiere o qualcun’altro? Sappiamo come funzionano le cose… A me dispiace molto perché Donnarumma è un talento, ha mostrato continuità, ha fatto un Europeo ottimo. In più si contende il posto con NAVAS che non mi fa impazzire. Io non avrei mai accettato una concorrenza simile: Donnarumma ha maggiori qualità, è più giovane. Avrei rinunciato a qualcosa pur di rimanere al Milan. Il PSG continua a costruire squadre con le figurine…”. [La Roma corre e suda: Abraham è impressionante] Guarda la gallery La Roma corre e suda: Abraham è impressionante

“RUI PATRICIO AFFIDABILE, MA PER IL FUTURO PUNTEREI SU MERET”

A proposito di portieri, a guardia dei pali della Roma c’è RUI PATRICIO: “È un portiere internazionale, esperto, sul quale si può fare affidamento. Certo tra un paio d’anni bisognerà tornare sul mercato e investire in un ragazzo giovane. Io punterei su MERET: ha potenzialità incredibili, così come CRAGNO, non molto alto ma estremamente reattivo. PAULOPEZ (ora al Marsiglia, ndr)? Nel mondo, i preparatori italiani sono superiori a tutti gli altri e lavorano moltissimo sulla tecnica, sulla fisicità e sui fondamentali. SE POTESSI, NON SCEGLIEREI MAI PORTIERI STRANIERI, altrimenti rischi ti accada quello che è successo a me con STEKELENBURG. Non apprezzava i nostri metodi: facendo così il calciatore non migliora e dimentica anche quello che sa. Pau Lopez comunque ha mostrato poco carattere e tanti difetti”. [Tiago Pinto: “Mourinho è l’allenatore più bravo del mondo”] Guarda il video Tiago Pinto: “Mourinho è l’allenatore più bravo del mondo”

“MOURINHO HA TRASFORMATO LA ROMA IN UN MESE”

Sui paragoni tra Fabio CAPELLO e José MOURINHO: “Mourinho l’ho conosciuto in Inghilterra, quando lavoravo per la Nazionale: ci incontravamo spesso negli stadi. Non è solo un semplice allenatore ma un MANAGER A TUTTO TONDO: ha personalità, attrattiva, sa dare stimoli ai suoi calciatori. RICORDATE I GIOCATORI DELLA ROMA? INSICURI, TITUBANTI. Mourinho ha cambiato tutto in un mese. È una caratteristica tipica di manager come LIPPI, CAPELLO, SACCHI: sanno comunicare come pochi. LUIS ENRIQUE? Era arrivato con tantissime aspettative. Cresciuto nella scuola del Barcellona, voleva cambiare non solo Trigoria ma l’intero ambiente. Non c’è riuscito anche perché la proprietà dell’epoca non lo aveva proprio capito. Gli chiesi: “Perché te ne vai?”, mi rispose: “Non faranno mercato e alla terza giornata del prossimo campionato mi cacceranno. Vado via da solo…”. [È già la Roma di Mourinho: Abraham c’è, che poker!] Guarda la gallery È già la Roma di Mourinho: Abraham c’è, che poker!

“BUFFON IL PIÙ GRANDE, DEVE DECIDERE LUI QUANDO SMETTERE. NON COME TOTTI”

La chiosa è su Buffon e Totti: “BUFFON al Parma in Serie B? Gigi è il più grande portiere di tutti i tempi. DEVE DECIDERE LUI QUANDO SMETTERE, NON COME È SUCCESSO PER TOTTI. Se Buffon si diverte e ha voglia, se ha stimoli è giusto che vada avanti”. Poi l’aneddoto sulla famosa finale di COPPA ITALIA DEL 1993: “I SENSI volevano che io giocassi, mentre BOSKOV era contrario. Peccato ma la decisione di Vujadin andava rispettata: era un grande uomo. MisterCalcioCup, iscrizioni aperte: schiera la tua formazione, vinci viaggi in Europa e buoni Amazon. Partecipa, è gratis!