ROMA - Si muove XHAKA, in prima persona: «Fatemi andare alla Roma». Lo ha chiesto all’ARSENAL, che continua a chiedere 20 milioni più bonus per liberarlo, forte di un accordo ormai blindato con TIAGO PINTO: 4 anni di contratto a 2,5 milioni a stagione, facilitati dal DECRETO CRESCITA. Xhaka ha capito che la convocazione di MOURINHO è un’occasione di rilancio imperdibile dopo un periodo poco felice, sia per lui che per l’Arsenal.

ROMA, XHAKA ASSAGGIA L’OLIMPICO

Intanto, con i nuovi capelli decolorati sul biondo, ha assaggiato l’atmosfera dello STADIO OLIMPICO con la nazionale svizzera. Non è stata una serata gratificante ma meno brutta di quanto possa sembrare, almeno sul piano personale. I numeri anzi dimostrano che Xhaka, nelle prime DUE PARTITE DELL’EUROPEO, abbia svolto il lavoro per il quale lo pagano: 136 passaggi giusti su 149 (92%), 14 palloni recuperati. Si tratta di un mediano geometrico e intelligente, bravo sia nella costruzione che nell’interdizione, molto fisico nei contrasti. Non è un mostro di velocità ma non è neanche così statico: ha percorso finora una media di 10,1 chilometri a partita. Abbinato a un centrocampista dinamico, tipo VERETOUT, potrebbe integrarsi perfettamente.

Tutti gli approfondimenti sull’edizione del Corriere dello Sport – Stadio